IMG-20140320-WA0002

Filosofi per vocazione

“La mia città e la mia patria è Roma in quanto sono Antonino. In quanto uomo , è l’universo. (Marco Aurelio,Ricordi,VI,44)
E’ muovendo dalle parole dell’imperatore-filosofo- romano Marco Aurelio, che  gli alunni del Liceo classico Ivo Oliveti di Locri, hanno dato inizio all’ avventura che li ha portati a partecipare alla XXII edizione nazionale della Olimpiade di Filosofia, promossa dal MIUR  e dalla Società Filosofica Italiana(SFI) e  avente come tematica “Abitanti del mondo tra identità e differenze”. Il progetto, coordinato dalle prof.sse Anna Maria Mittica ed Ida de Angelis e volto alla valorizzazione delle eccellenze,  ha visto la partecipazione di un impegnato  gruppo di allievi che ,come negli anni precedenti,  si è cimentato nella prova preliminare d’istituto con  la produzione di un testo filosofico sulla tematica oggetto della selezione. Vincitori di questa prima fase  della olimpiade sono stati gli alunni Vincenzo Spanò e Giulia Gerace, entrambi frequentanti la classe V C dell’Istituto. 

Ed è proprio con Vincenzo Spanò che  il Liceo classico Ivo Oliveti  entra nel novero delle eccellenze filosofiche regionali, esportando la “vocazione filosofica” calabrese alle selezioni nazionali che si terranno a Roma nei giorni 9-10-11 Aprile. La selezione in cui l’allievo si è distinto ,  si è svolta nella  sua cornice regionale , nella provincia di Cosenza ,presso il liceo Pitagora di Rende, ed ha visto la partecipazione di ben sedici Istituti provenienti dall’intero territorio .L’allievo, classificatosi secondo nella graduatoria di merito è stato chiamato ad esprimere le proprie riflessioni sulla tematica del cosmopolitismo come paradigma interpretativo del nostro tempo e sull’ampliamento dei confini ad esso conseguente ,ponendo l’accento sulla possibilità di realizzare un concreto patto di cittadinanza globale in grado di garantire la coesione sociale mondiale  pur nel rispetto dell’unicità di ogni individuo.

   Grande la soddisfazione del Dirigente scolastico, Giovanna Maria Autelitano, che ha espresso plauso   per il traguardo raggiunto dai propri allievi, sottolineandone la serietà e l’impegno .